Tutte le News

Codici Tributo IMU per mod. F24

22/05/2013

Con la Risoluzione n. 33/e del 21 maggio 2013, l'Agenzia delle Entrate comunica i nuovi codici tributo per i versamenti tramite mod. F24 dell'IMU (Imposta Municipale Propria).

Per maggior chiarezza proponiamo il testo integrale della citata Risoluzione.


AGENZIA DELLE ENTRATE

RISOLUZIONE N. 33/E

Roma, 21 maggio 2013
OGGETTO: Istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite modello "F24" e "F24 EP", dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 13 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, relativa agli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - articolo 1, comma 380, lettere f) e g), della legge 24 dicembre 2012, n. 228.

L'articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, ha previsto l'anticipazione sperimentale dell'imposta municipale propria (IMU).
Con risoluzioni 12 aprile 2012, n. 35/E e 5 giugno 2012, n. 53/E sono stati istituiti i codici tributo per il versamento, tramite modello F24 e F24 EP, dell'IMU.
L'articolo 1, comma 380, lettera f) della legge 24 dicembre 2012, n. 228, dispone che "e' riservato allo Stato il gettito dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 13 del citato decreto-legge n. 201 del 2011, derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, calcolato ad aliquota standard dello 0,76 per cento, prevista dal comma 6, primo periodo, del citato articolo 13".
La successiva lettera g) del citato articolo prevede che " i comuni possono aumentare sino a 0,3 punti percentuali l'aliquota standard dello 0,76 per cento, prevista dal comma 6, primo periodo del citato articolo 13 del decreto-legge n. 201 del 2011 per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D". Al riguardo, la risoluzione 28 marzo 2013, n. 5/DF, concernente, tra l'altro, le modifiche recate dall'articolo 1, comma 380, della predetta legge, chiarisce che "in quest'ultimo caso, ovviamente, il maggior gettito IMU è destinato al comune stesso".
Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti.

Per consentire il versamento, tramite modello F24, dell'IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, si istituiscono i seguenti codici tributo:

  • "3925" denominato "IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO"
  • "3930" denominato "IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad usoproduttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE"

Si precisa che in caso di ravvedimento le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all'imposta dovuta.
In sede di compilazione del modello F24 i suddetti codici tributo sono esposti nella "SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI" in corrispondenza delle somme indicate esclusivamente nella colonna "importi a debito versati". In particolare:

  • nello spazio "codice ente/codice comune", indicare il codice catastale del Comune nel cui territorio sono situati gli immobili, reperibile nella tabella pubblicata sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it;
  • nello spazio "Ravv.", barrare se il pagamento si riferisce al ravvedimento;
  • nello spazio "Acc.", barrare se il pagamento si riferisce all'acconto;
  • nello spazio "Saldo", barrare se il pagamento si riferisce al saldo. Se il pagamento è effettuato in unica soluzione per acconto e saldo, barrare entrambe le caselle;
  • nello spazio "numero immobili", indicare il numero degli immobili (massimo 3cifre);
  • nello spazio "anno di riferimento", indicare l'anno d'imposta cui si riferisce il pagamento. Nel caso in cui sia barrato lo spazio "Ravv." indicare l'anno in cui l'imposta avrebbe dovuto essere versata.

*****

Per consentire il versamento, tramite modello F24 EP, dell'IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, si istituiscono i seguenti codici tributo:

  • "359E" denominato "IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO"
  • "360E" denominato "IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE"

Si precisa che in caso di ravvedimento le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all'imposta dovuta.

In sede di compilazione del modello F24 EP, i suddetti codici tributo sono esposti nella sezione "IMU" (valore G), con l'indicazione:

  • nel campo "codice", del codice catastale del comune nel cui territorio sono situati gli immobili, reperibile nella tabella pubblicata sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it;
  • nel campo "estremi identificativi", nessun valore;
  • nel campo "riferimento A" (composto da sei caratteri), nel primo carattere, di un valore a scelta tra "A" (acconto), "S" (saldo), "U" (unica soluzione); nel secondo carattere, di un valore a scelta tra "R" (ravvedimento) oppure "N" (no ravvedimento); nel terzo carattere, di un valore a scelta tra "V" (immobili variati) oppure "N" (immobili non variati); dal quarto al sesto carattere, del numero degli immobili, da 001 a 999;
  • nel campo "riferimento B", dell'anno d'imposta cui si riferisce il versamento, nel formato "AAAA".

Si precisa che i codici tributo "3925" e "359E" sono utilizzati anche per i fabbricati rurali ad uso strumentale classificati nel gruppo catastale D. Per detti immobili non è invece possibile utilizzare i codici "3930" e "360E", non potendo i comuni incrementare la relativa aliquota, come chiarito nella risoluzione n. 5/DF del 2013.
Per i fabbricati rurali ad uso strumentale diversi da quelli classificati nel gruppo catastale D sono utilizzati il codice tributo "3913", istituito con risoluzione 12 aprile 2012, n. 35/E e il codice tributo "350E", istituito con risoluzione 5 giugno 2012, n. 53/E.

IL DIRETTORE CENTRALE

Troviamo il professionista che stai cercando

Noi abbiamo il professionista che tu stai cercando : seleziona un servizio per la tua casa, per il tuo appartamento o per il tuo immobile, richiedi il tuo preventivo ed il nostro professionista , proprio quello che stavi cercando, ti contatterà e ti invierà gratuitamente un preventivo.

Richiedere un preventivo è semplice : seleziona il servizio di tuo interesse, compila con i dati necessari per essere ricontattato e riceverai il tuo preventivo.

Il preventivo è rapido, gratuito e senza impegno.

Seleziona il servizio.

Risparmio
energetico

APE

Risparmio energetico per tua casa o per il tuo edificio: APE, Attestato di prestazione energetica, Certificazione Energetica, Diagnosi Energetica, Energy Manager, Detrazioni Fiscali, Relazioni ex Legge 10, Riqualificazione Energetica, Progettazione Termotecnica Impianti Termici.

Preventivo gratuito

Costruire o
ristrutturare casa

costruire o ristrutturare casa

Pratiche edilizie, Permessi di Costruire, Cila, Scia, Ristrutturazioni, Assistenza Tecnica di Cantiere, Piani di sicurezza, Coordinatore sicurezza, Calcolo strutturale, Verifiche Strutturali, Pratiche sismica, Collaudi statici, Pratiche paesaggistiche, Prevenzione incendi.

Preventivo gratuito

Catasto
Topografia

costruire o ristrutturare casa

Copie di Planimetrie Catastali, Visure Catastali, Istanze, Rettifica Errori, Autotutele, Frazionamenti Catastali, Inserimenti in mappa, Tipi Mappali, Rifacimento Planimetrie Catastali, DOCFA, PREGEO, Rilievi topografici, Rilievi GPS, Tracciamenti di cantiere.

Preventivo gratuito

Altri
servizi

costruire o ristrutturare casa

Atri servizi per la tua casa o il tuo immobile : Amministratore di condominio, rifacimento Tabelle Millesimali, Millesimi Condominio, Consulente Tecnico di Parte (CTP), Consulenze, Perizie, Stime, Denunce di Successione.

Preventivo gratuito

Gestione
Rifiuti
Speciali

costruire o ristrutturare casa

Atri servizi per la tua casa, il tuo immobile o la tua attività:

se hai un'Impresa, un'Attività, uno Studio Professionale devi essere sicuro della corretta gestione dei rifiuti speciali.

Preventivo gratuito

Vendere
Comprare
Affittare

costruire o ristrutturare casa

Attestato di Prestazione Energetica (APE) del tuo immobile, richiedere ed avere accesso agli Atti Urbanistici, Atti Strutturali, Documentazione catastale, eseguire Cila, Scia o Permessi di Costruire in sanatoria, verificare l'Agibiltà dell'immobile o altro ancora.

Preventivo gratuito

V.A.S.
V.I.A.
P.E.C.

costruire o ristrutturare casa

Altri servizi indispensabili che puoi ricevere rivolgendoti ai Tecnici di Certened: Valutazione Ambientale Strategica V.A.S., Non Assoggettabilità a V.A.S., Valutazione Impatto Ambientale V.I.A. e Piano Edilizio Convenzionato P.E.C o altro ancora.

Preventivo gratuito

Ultime news

Agenzia delle Entrate - Primi chiarimenti sul Decreto Rilancio

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il suo primo vademecum con il quale illustra ai cittadini ed alla imprese i contenuti del Decreto Legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio).

Decreto Legge 19/05/2020 n. 34 (Decreto Rilancio)

L'atteso Decreto Rilancio (D.L. 34/2020) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 19/05/2020. Il Decreto Legge 19/05/2020 n. 34 recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro...

Regione Lombardia aggiornamento F.A.Q. Cened+ 2.0

Il giorno 27 aprile 2020 Regione Lombardia aggiorna le F.A.Q. relative alla procedura di certificazione energetica degli edifici Cened 2.0 Il nuovo aggiornamento prevede una radicale revisione di tutte le...

Attestati di Prestazione Energetica

Seleziona la Regione e richiedi ora il tuo preventivo gratuito.

Home | ContattiPrivacy | Cookie | © Certened 2010 / 2020 - Tutti i diritti riservati - Per iscrizioni e comunicazioni commerciali contattare Assomatiko - P.iva 03308490980