Tutte le News

Classificazione dei Generatori di Calore

Come riconoscere i vari tipi di caldaie ?

In questa pagina proponiamo un piccolo vademecum sulla classificazione dei Generatori di Calore con alcune definizioni utili a riconoscere e distinguere i vari tipi di caldaia.

 

Generatori a parete

Generatore di calore progettato per l'installazione ed il fissaggio ad una parte; viene detto anche pensile; è contraddistinto da peso e dimensioni ridotte; può essere destinato alla sola produzione di calore per il riscaldamento o riscaldamento + acqua calda sanitaria. Sono le comuni caldaie presenti in molti appartamenti, comunemente appese al muro in cucina, in cantina o incassate in una nicchia esterna.

Generatori a basamento

Generatore di calore progettato per l'installazione ed il fissaggio a terra, su pavimento; può essere destinato alla sola produzione di calore per il riscaldamento o riscaldamento + acqua calda sanitaria. Sono le comuni caldaie a pavimento presenti in molte cantine.

Classificazione

La classificazione corrente è quella definita dalla norma UNI 10642/2005 nella quale le caldaie vengono definite:

Generatore di tipo A

apparecchio che non è collegato ad un condotto od a un dispositivo speciale di evacuazione dei prodotti della combustione (fumi) verso l'esterno del locale in cui il generatore è installato; quindi questo tipo di generatore di calore preleva l'aria corburente dal locale in cui è installato ed espelle il prodotto della combustione sempre nel medesimo locale.

Generatore di tipo B

apparecchio collegato ad un condotto di evacuazione dei prodotti della combustione (fumi) verso l'esterno in cui il generatore è installato; questo tipo di generatore di calore è comunemente detto "caldaia a camera aperta"; la sua caratteristica è che per la combustione utilizza l'aria presente nel locale in cui è installato (aria corburente), mentre i prodotti della combustione vengono scaricati all'esterno del locale.

Generatore di tipo C

apparecchio nel quale il circuito di combustione (presa d'aria comburente, camera di combustione, scambiatore, evacuazione dei prodotti della combustione) è completamente isolato (stagno) rispetto al locale in cui il generatore è installato; questo tipo di generatore di calore è comunemente detto "caldaia a camera stagna"; la sua caratteristica è che per la combustione utilizza l'aria prelevata direttamente dall'ambiente esterno (aria corburente) ed i prodotti della combustione (fumi) vengono scaricati all'esterno del locale.

Sigle identificative

Ogni generatore di calore (caldaia) è identificato da una sigla che ne descrive inequivocabilmente le caratteristiche; la sigla si compone di una lettera dell'alfabeto ( a - b - c ) per la cui definizione rimandiamo al precedente paragrafo "Classificazione"; oltre alla lettere dell'alfabeto, nella sigla sono presenti dei numeri (pedice): per i generatori di Tipo A il pedice è composto da una sola cifra, mentre per i generatori di Tipo B e C il pedice si compone di due cifre;

la prima cifra indica le modalità di presa dell'aria corburente e di scarico dei fumi;

la seconda cifra può essere un 1, un 2 o un 3 ed indica :

cifra 1 - il ventilatore NON è presente;
cifra 2 - il ventilatore è presente a valle della camera di combustione/scambiatore di calore
cifra 3 - il ventilatore è presente a monte della camera di combustione/scambiatore di calore.

Generatore a tiraggio naturale

caldaia b11 

 

Generatore di calore privo di qualsiasi tipo di ventilatore per il soffiaggio dell'aria corburente o per l'aspirazione dei fumi ( tipo b11 o c11) 

Generatore a tiraggio forzato

Generatore di calore dotato di un ventilatore elettrico per l'espulsione forzata dei fumi;

caldaia b12Tipo b12 caldaia c12Tipo c12

 

se il ventilatore è posizionato dopo della camera di combustione, questo servirà per aspirare i fumi della combustione; in questo caso il bruciatore sarà di tipo atmosferico e la caldaia potrà essere di tipo b12 o c12;

Generatore ad aria soffiata

Generatore di calore dotato di un ventilatore elettrico che soffia l'aria corburente all'interno della camera di combustione;

caldaia c13 Tipo c13

 

 

il ventilatore è posizionato prima della camera di combustione; in questo caso la caldaia potrà essere di tipo b13 o c13.

Generatori a condensazione

Generatore di calore in grado di ottenere rendimenti superiori alle normali caldaie tradizionali grazie al recupero di parte del calore espulso con i fumi dal camino, con conseguente riduzione di emissioni e consumi.

Questo tipo di caldaia necessita di un adeguato sistema di raccolta e smaltimento della condensa.

I produttori per questo tipo di generatori dichiarano rendimenti vicini al 105%. I rendimenti migliori si ottengono utilizzando questo tipi di generatori in impianti a bassa temperatura, come ad esempio gli impianti di riscaldamento a pavimento.

Le caldaie a condensazione possono essere murali o a basamento, in funzione di peso e dimensioni.

Bruciatore Atmosferico

Un bruciatore ad aria aspirata od atmosferico preleva l'aria corburente dal locale in cui è installato; generalmente è presente nelle caldaie identificate con pedice 11, 12, 21 o 22.

Bruciatore ad aria soffiata

Un bruciatore ad aria soffiata riceve l'aria corburente da un ventilatore elettrico che la soffia nella camera di combustione; generalmente è presente nelle caldaie identificate con pedice 13 o 23


 

Pubblichiamo di seguito alcuni documenti che per i loro contenuti saranno di sicura utilità a quanti vorranno approfondire l'argomento, anche con esempi e disegni:

Esempi di classificazione degli apparecchi secondo UNI 10642

Classificazione degli apparecchi a gas

Slide corso Università Brescia

Slide corso Università Bergamo

 

 

Ultime news

MEF - Circolare 1/2017 - TARI

TARI - il Mef ha emanato la Circolare n. 1/DF del 20 novembre 2017 con la quale spiega in modo chiaro ed esplicito le modalità di calcolo della TARI (Tassa...

Regione Lombardia - Ispettori CENED

Lo scorso 13 novembre 2017 ILSPA ha pubblicato un avviso pubblico per la selezione di ispettori CENED a cui affidare le attività di accertamento della conformità degli APE depositati presso...

Regione Trentino Alto Adige - Decreto 13-66/2017

Con il Decreto del Presidente della Provincia Autonoma di Trento n. 13-66/Leg. del 02/08/2017, cambiano le regole per la certificazione energetica degli Edifici in Trentino.

Attestati di Prestazione Energetica

Seleziona la Regione e richiedi ora il tuo preventivo gratuito.

Home | ContattiPrivacy | Cookie | © Certened 2010 / 2017 - Tutti i diritti riservati - Per iscrizioni e comunicazioni commerciali contattare Assomatiko - P.iva 03308490980